• Rimozione amianto compatto a Napoli

    Rimozione canne fumarie in eternit

  • La NESCAP è specializzata nella rimozione amianto compatto a Napoli e nelle località limitrofe. In particolare, pone in essere le operazioni di rimozione, bonifica e sostituzione delle coperture in eternit seguendo le procedure prescritte dalla legge e, pertanto, non contaminando l’ambiente circostante. Il merito va all’utilizzo di tecniche ed attrezzature moderne.

  • Rimozione canne fumarie in eternit

    Rimozione canne fumarie in eternit

    Il procedimento prevede la valutazione del rischio di amianto secondo la normativa vigente di campionamento in MOCF e DRX, le indagini ambientali in MOCF o SEM e la compilazione della modulistica del D.M. 6/9/94 e del relativo registro di sorveglianza. Gli interventi di rimozione dei manufatti in amianto compatto effettuati dall’azienda riguardano le coperture civili ed industriali in eternit, le colonne di scarico, i comignoli e le canne fumarie nonché i pavimenti in linoleum. 


    Le fasi cronologiche in cui si articola ciascun intervento sono le seguenti: sopralluogo finalizzato ad individuare la soluzione di bonifica idonea, redazione del piano di lavoro da presentare alla USL competente, ottenimento del nulla-osta da parte del suddetto organo, rimozione delle coperture. La bonifica viene eseguita da personale abilitato ed in possesso di specifica certificazione sanitaria ed i materiali rimossi vengono trasportati con mezzi autorizzati allo scopo e smaltiti in discariche autorizzate ex legge n. 22/97. A conferimento avvenuto viene rilasciato il certificato di avvenuto smaltimento.

  • Rimozione coperture in eternit

    Rimozione coperture in eternit

    La procedura di rimozione amianto compatto a Napoli prevede lo smontaggio delle coperture, il loro trasferimento a terra, l’imballaggio ed il conferimento in discarica. La rimozione dei pannelli in eternit è spesso propedeutica alla demolizione degli edifici o si rivela necessaria per la sostituzione delle lastre con materiali non nocivi e viene eseguita da addetti dotati di dispositivi di protezione delle vie respiratorie, indumenti adatti a non contaminare gli abiti e scarpe antinfortunistiche. Tutte le fasi dell’intervento hanno come obiettivo quello di ridurre al minimo la dispersione delle fibre di amianto nell’aria e per tale motivo le superfici vengono trattate con resine sintetiche in grado di creare una pellicola che impedisce alle suddette fibre di disperdersi durante le operazioni di smontaggio e movimentazione. 


    Prima di essere irrorati con la resina, i pannelli vengono puliti per eliminare polvere e detriti e favorire l’ottimale aderenza del prodotto. Il taglio delle lastre di grandi dimensioni avviene impiegando utensili a velocità ridotta, per limitare anche in questo caso la dispersione delle fibre. Una volta eliminate le viti ed i ganci che li tengono ancorati alla struttura portante, i pannelli vengono rimossi con cura per evitare frantumazioni o cadute e successivamente impilati per rendere l’operazione di movimentazione agevole. Le lastre sovrapposte vengono imballate e sigillate con teli di plastica. Vengono raccolti e depositati in sacchi anche i frammenti dispersi durante la procedura. I materiali imballati, una volta etichettati, vengono conferiti in discarica.